Aprile 11

Smart Working: 3 Strategie per Lavorare Meglio da Casa

Aumentare la Tua Produttività

0  COMMENTI

Oggi più che mai, in molti si sono trovati costretti a dover lavorare da casa. Ecco tre strategie che puoi adottare sin da subito per migliorare la tua produttività senza dover ricorrere al divorzio :) Guarda il video...

More...

Smart Working: Tre Strategie per Lavorare Meglio da Casa

Questo articolo è tratto dalla mia esperienza personale maturata negli ultimi sei anni lavorando da casa. Il succo sta in tre semplici accorgimenti che, se presi e mantenuti nel tempo, avranno un effetto molto positivo sulla tua produttività e, più in generale, su molte sfere della tua vita tra cui lavoro, famiglia, relazioni, etc.

Le tre strategie sono: il Bunker, Il Tempo, La Chiusura. Vediamo questi punti insieme uno a uno.

Lavorare Meglio da Casa: Costruisci il tuo Bunker

Costruisci il tuo bunker privo di distrazioni. Allestisci quindi un posto, all'interno della tua casa adibito, esclusivamente al lavoro. Non deve essere necessariamente una stanza. Va bene anche un angolo nella tua abitazione. Ci sono tre punti ai quali prestare a particolari attenzioni mentre costruisci il tuo bunker:

  1. 1
    Il tuo bunker e il posto dove ti rechi esclusivamente per lavorare. Non puoi entrarci per nessun altro motivo.
  2. 2
    Quando entri nel tuo bunker è come se tu fossi fisicamente uscito di casa.
  3. 3
    Devi impostare la regola, con i tuoi familiari coinquilini, secondo la quale, quando sei nel tuo bunker e come se tu non fossi a casa.

Quest'ultima è la parte più difficile perché, a differenza di distrazioni come le e-mail e i social network che puoi gestire semplicemente, è molto più complicato gestire il comportamento di persone - come tua moglie i tuoi figli o i tuoi coinquilini - che ti possono vedere anche se tu, da regola, non sei veramente lì.
Io ad esempio, quando ho qualcuno che mi ronza dentro casa, come segnale adotto quello di mettermi le cuffie. Probabilmente non sto ascoltando nulla in cuffia ma aiuta la mia compagna a capire che sto lavorando e che non voglio essere disturbato.

Lavorare Meglio da Casa: Gestisci il tuo Tempo

Immagina qualcuno che lavora da casa e probabilmente ti viene in mente una persona in pigiama, che lavora dal divano o direttamente dal letto, e che lo fa come e quando vuole lui. Beh, mi spiace deluderti ma non è esattamente così!

A differenza di quando lavori in azienda, dove hai turni ben scanditi da orari d'ingresso e di uscita, dove il tuo boss è probabilmente molto più attento alla tua puntualità e alla tua presenza che non a quello che effettivamente stai facendo, quando lavori da casa, tutto questo non c'è. Se non sai esattamente in cosa investi il tuo tempo, rischi di sprecare molte ore senza concludere nulla di buono.

Il suggerimento che mi sento di darti è quello di tracciare tutto quello che fai. Puoi farlo con un'agenda o con un calendario digitale. Esistono molti software che ti possono aiutare a tracciare tutte le tue attività. Qui sotto te ne elenco due che sono quelli che uso di più per portare avanti il mio lavoro:

  • Hours Keeper: Puoi inserire clienti e associarli alla tariffa oraria che hai deciso di riservargli. Accendi il "tassametro" quando inizi a lavorare al progetto del tuo cliente e lo fermi quando hai finito. In questo modo, oltre a tener traccia del rapporto tempo/soldi, hai a disposizione molte altre statistiche su base settimanale, mensile, annuale. L'applicativo in questione gira esclusivamente su smartphone. Hours Keeper per Android - Hours Keeper per iOS
  • Rescuetime: Applicativo web gratuito. Ti registri e lui comincia a tracciare tutte le attività che svolgi sul tuo computer e smartphone. Indipendentemente da obiettivi (che comunque puoi impostare) Rescuetime traccia le tue attività dividendole in categorie. Già dopo poche settimane puoi notare quanto tempo spendi per ciascuna categoria e aggiustare il tiro.  

È molto importante sapere dove va a finire il tuo tempo. Ottimizzandolo potrai facilmente accorgerti di averne di più da destinare ad altre faccende domestiche come il bucato le pulizie e altro. Per aiutarti a ottimizzare il tuo tempo al meglio, voglio parlarti della Regola delle Cinque Ore.

La Regola delle Cinque Ore consiste nello svolgere tutte le tue attività lavorative nell'arco di tempo di cinque ore. Per dare il massimo devi suddividere queste cinque ore in slot da 50 minuti di lavoro + 10 minuti di pausa. Questi ultimi servono per ossigenare il cervello ed essere più produttivo nella successiva ora di lavoro. Durante la pausa sarebbe preferibile non utilizzare lo smartphone, evitare qualsiasi tipo di monitor e, possibilmente rilassarsi anche praticando un po' di meditazione.

Lavorare Meglio da Casa: Imponiti la regola della Chiusura

Imposta una regola chiara sulla chiusura della tua giornata lavorativa. È decisamente una delle cose più dure da fare perché è estremamente semplice per il tuo lavoro, soprattutto quando questo ti piace, prendere il sopravvento su tutte le altre attività da svolgere a casa. Questo effetto viene ulteriormente amplificato quando le altre attività sono decisamente meno interessanti del tuo lavoro e tranquillamente procrastinabili.

E quindi di vitale importanza creare il momento di chiusura della tua giornata lavorativa. Questo consente al tuo cervello di spegnersi e ricaricarsi. Questa regola si rifà al punto uno dove ho detto che puoi lavorare solo nel tuo bunker. Quindi, una volta finita la giornata, non prendere il tuo laptop per portarlo fuori dal bunker e continuare a lavorare mentre qualcun altro cucina o guarda la tv.

Stabilire un tempo per la chiusura ti aiuterà anche con la terza parte del primo punto, secondo la quale le altre persone ti devono trattare come se tu, quando sei nel bunker, non fossi fisicamente presente. Allo stesso modo, devi comunicare alle persone che vivono con te che quando hai finito posso cominciare di nuovo a interagire. Ti possono parlare. Della serie: "trattatemi come un sociopatico finché sono nel bunker, ma poi, potete rivolgermi di nuovo la parola".

Una buona strategia per rafforzare questa regola è quella di creare la tua routine della chiusura. Puoi guardare la posta elettronica, pianificare la giornata successiva, ma anche ascoltare una canzone specifica o andare a fare una passeggiata con il cane. Qualsiasi cosa che sia la tua routine per traghettare gradualmente il tuo cervello fuori dell'attività lavorativa.

Benefici

Adottando queste regole otterrai un doppio beneficio. Il primo è quello che, chi ti sta vicino sa che prendi il tuo lavoro molto sul serio e sarà più attento a non disturbarti. Il secondo è quello che, stabilendo una chiusura precisa della tua giornata lavorativa, avrai modo di ricaricarti per essere ancora più produttivo il giorno dopo.

Spero che questo mio articolo ti sia di aiuto. Condividilo con i tuoi amici affinché anche loro possano beneficiarne. Se anche tu lavori da casa e adotti qualche strategia diversa da quelle descritte in questo articolo, posta un commento sulle tue regole per lo Smart Working. Mi farà piacere discuterne con te.

firma

Tag

Insights, Smart Working


Potrebbe interessarti anche

Intervista a Emanuele Properzi, Magister Italiano del Self Publishing

MailerLite: Piano Gratuito che Ti Stupirà

Thrive Themes diventa Thrive Suite

Pagina  [tcb_pagination_current_page] di  [tcb_pagination_total_pages]

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}
>
Malcare WordPress Security